«Il Mattino» Canzone 'e Ciccio Cappuccio


«Canzone 'e Ciccio Cappuccio»
9 dicembre 1892
a firma di Ferdinando Russo.

 

«Da ‘o Mercatiello a ‘o Bbùvero,

da Porto a lu Pennino

è corza ‘a voce subbeto:

«È mmuorto ‘o Signurino! »

Ciccio Cappuccio, ‘o princepo

d’ ‘e guappe ammartenate,

ha nchiuse ll’uocchie d’ ‘aquela,

e sule nce ha lassate!

 

Scugnizze, cape–puopole,

picciotte e contaiuole,

chiagnite a ttante ‘e lacreme!

‘Ite perdute ‘o Sole!

Currite, belli femmene,

sciugliteve ‘e capille,

purtateve all’asequie

‘e figlie piccirille!

 

Chi ve po’ cchiù difendere?

Senz’isso che ffacite?

A chi jate a ricorrere

Si quacche tuorto avite?

Isso, sul’issso, ea àbbele

A fa scuntà sti storte…

Mo’ che po’ cchiù resistere?

Ciccio Cappuccio è mmuorte!

Russo, nquartato, giovane,

pareva justo urlando

quann’ ‘o verive scennere

mmiezo San Ferdinando!

V’allicurdate ‘o sciopero?

Pare successo ajere!

Sull’isso dette ll’ordene,

e ascetteno ‘e cucchiere!

 

E quanno dint’ ‘e carcere

P’ ‘o fatto d’ ‘e turniste

Isso avette che ddìcere

Cu ‘e guappe calavrise!

–Tirate mano!  Armateve!

Tenite core mpietto?

E n’abbattette dudece,

cu ‘e tavole d’ ‘o lieto!

 

Currite! Mo’ s’ ‘o portano!

Menatele ‘e cunfiette!

Sceppateve! Stracciateve

‘e core ‘a dinto ‘e piette!

Uommene nun n nasceno,

comm’a Cappuccio, ancora!

Ll’aute sò buone a schiovere,

isso vucava fora!

 

Va! Jateve a fa muonece,

guappe quante nne site!

Cu Ciccio è muorto ‘o ggenio

d’ ‘e palatine ardite!

Picciuotte e cape-puopolo,

scugnizze e cuntaiuole,

chiagnite a tanto ‘e lacreme,

ite perduto ‘o Sole!»